Tag Titolo Abstract Articolo
Mostre
Gli artisti: Giacomo Di Marco, Giuseppe Farinella, Salvatore Mineo e M. Carmelo Scacciaferro
immagine


GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO



di Vincenzo Giardino

 

SANT'AGATA DI MILITELLO (ME) - I colori e i paesaggi delle Madonie, questo il titolo della mostra di pittura presente al Castello Gallego di Sant'Agata di Militello dal 24 aprile al 5 maggio di quest'anno. Gli artisti Giacomo Di Marco, Giuseppe Farinella, Salvatore Mineo e M. Carmelo Scacciaferro, hanno voluto rappresentare pittoricamente, con l'esaltazione dei colori o con la raffigurazione di tematiche, l'appartenenza al proprio territorio.

La visita alla mostra ci fa incontrare Giacomo Di Marco, artista di lungo corso, nato a Galati Mamertino (Me) nel 1948, ma che vive e opera a Finale di Pollina (Pa). La sua arte è espressa soprattutto nelle raffigurazioni di  antichi borghi e  torri medioevali, ma anche di scene rurali, rappresentando la memoria storica di luoghi che hanno visto il passaggio di altre civiltà in terra di Sicilia, da essa di evince l'amore dell'artista per i luoghi in cui vive, per quelli in cui è cresciuto e per quelli che rappresentano al meglio questa terra che è un immenso museo artistico e naturalistico. Una terra che per troppo tempo ha visto sommergere il proprio patrimonio culturale da un immaginario becero e superficiale. L'entusiasmo di Giacomo Di Marco nel raccontare la propria arte è coinvolgente, istruttivo e induce ad osservare i suoi quadri con particolare interesse e curiosità, facendo rilevare che i dipinti a tempera sono realizzati su pannelli di faesite (o masonite) che precedentemente erano stati fondi di cassette di frutta, in questo l'artista vuole esprimere il concetto di essenzialità e semplicità. Peraltro la faesite, utilizzata in passato anche come materiale da costruzione nell'edilizia, evoca nell'artista i ricordi della casa dove ha trascorso la sua infanzia, nelle quale le travi sottotetto erano coperte per l'appunto da pannelli di faisite che ne costituivano il soffitto.

Il percorso artistico di questo pittore siciliano comincia nei lontani anni '70, ma con altre tecniche, altri temi e soprattutto altri materiali. La tecnica era lo sbalzo su rame, figure in rilievo su lamiere di rame che rappresentavano i tormenti dell'uomo nella sua esistenza.
Nel corso della sua vita, Di Marco, ha ben conciliato la passione per la pittura e l'arte con l'insegnamento in discipline artistiche e da buon educatore sa dare consigli saggi ai giovani artisti indirizzandoli ad esprimere le pulsioni dell'anima attraverso le tecniche della pittura.

L'artista siciliano è frequentemente promotore di manifestazioni e mostre in molti paesini dei Nebrodi e delle Madonie, che vedono la presenza di autorità locali e visitatori amanti dell'arte, le sue iniziative nascono dalla collaborazione di altri artisti con i quali è legato da anni di sodalizio e di amicizia personale.
Le opere di Giacomo Di Marco arricchiscono le collezioni di molti privati sul territorio nazionale, ma anche in Germania e Irlanda, è auspicabile che esse abbiano una maggiore diffusione e visibilità assieme alle opere di altri artisti siciliani che onorano l'appartenenza al proprio territorio.


 

Caccia al killer
ll ciclista ha capito subito di essersi imbattuto nell'uomo più ricercato d'Italia e ha chiamato i carabinieri
immagine


di Andrea Barbi

E' diventato ormai una specie di leggenda, un racconto dell'orrore che si diffonde con il passaparola, il canale più antico, ma ancora il più efficace per diffusione di notizie, vere e false. Ma si tratta della realtà. Il fantasma che nessuno riesce a vedere, il mostro che spunta dai cespugli e uccide a sangue freddo, senza pietà, esiste davvero e da ormai un mese tutti lo cercano in quelle terre paludose al confine tra l'Emilia e la Romagna, a ridosso delle province di Bologna, Ferrara e Ravenna. Proprio nelle province in cui ha lasciato 3 morti sul suo cammino, un cammino di criminale che si è interrotto soltanto durante gli anni di reclusione nel carcere “dell'arginone” di Ferrara.

 

Parliamo di Norbert Feher alias Igor Vaclavic, l'uomo braccato da 1200 soldati scelti tra i migliori reparti d'Italia con l'ausilio di cani molecolari, droni, elicotteri, mezzi anfibi e ogni tipo veicolo in dotazione alle forze dell'ordine e alla protezione civile nazionale. Si è detto di tutto su questo personaggio misterioso e inafferrabile, crudele e astuto, ma poche sono le certezze sul suo oscuro passato. Si sa che è un cittadino serbo di etnia ungherese, nato nella regione autonoma della Voivodina nel 1977, sa parlare fluentemente almeno 6 lingue, tra cui cinese e russo oltre alle sue 2 lingue madri: il serbo e l'ungherese. E' in Italia da almeno 15 anni, dove ha iniziato la sua carriera criminale nel 2007 (data del suo primo fermo da parte delle forze dell'ordine). Veniva inizialmente chiamato il ladro ninja per il suo modus operanti; entrava infatti di notte in cascine isolate della campagna ferrarese e rodigina, intrufolandosi dalle finestre del primo piano, direttamente nelle camere da letto di anziani contadini che derubava minacciandoli armato di armi e frecce. Poi una escalation di furti in cui adottò durante i quali adottò armi bianche, in particolare grossi coltelli e machete. Fino al suo arresto nel 2010 quando i carabinieri della compagnia di Rovigo lo acciuffarono mentre si nascondeva sul fondo di un canale in aperta campagna; proprio così, era completamente immerso nell'acqua di un corso d'acqua artificiale e respirava grazie ad una canna di bambù che si era infilato in bocca. Dopo cinque anni di reclusione passati da detenuto modello, con la falsa identità di Igor Vaclavic, soldato russo dissertore, è stato rilasciato nel 2015 e da allora nonostante il decreto di espulsione a suo carico, è tornato a delinquere nelle sue zone di adozione, in quella bassa padana che hai tempi dello Stato Pontificio era conosciuta per essere frequentata da bande di briganti e contrabbandieri. Ma questa volta ha scelto le armi da fuoco per i suoi crimini, armi che ha rubato a cacciatori e vigilantes. Dopo giorni di ricerche serrate, falsi allarmi e blitz degni di operazioni antiterrorismo, in uno scenario inverosimile di una tranquilla campagna emiliana trasformata in un campo di battaglia per il numero di militati con equipaggiamento da guerra che la scandagliano giorno e notte, quando ormai l'opinione pubblica era convinta che l'assassino non fosse più li e iniziavano ad alzarsi le prime voci di sdegno per il fallimento di un'operazione di ricerca così costosa e fallimentare un nuovo avvistamento, credibile, avvenuto venerdì sera, ma di cui si è confermata la notizia solo oggi per non creare allarmismi tra la popolazione, conferma l'ipotesi che gli investigatori siano sulla pista giusta. Norbert Feher si trova ancora in zona. A trovarsero di fronte è stato un ragazzo pakistano nelle campagne di Consandolo, tra le province di Ferrara e Ravenna, al quale il fuggiasco ha tentato di rubare la bicicletta.

Igor Vaclavic è uscito all’improvviso da dietro un cespuglio, brandendo un bastone. Così un ciclista pakistano si è trovato di fronte un uomo lacero, vestito con cappello e tuta mimetica, con capelli lunghi e barba incolta, smagrito e dagli occhi febbricitanti e incavati. Il pakistano stava percorrendo in bici una ciclabile fra Marmorta e Consandolo, in piena zona rossa, e in un primo momento ha pensato a un maldestro tentativo di rapina, tant’è che gli ha offerto il portafoglio e il cellulare. Poi però l’uomo è tornato nella fitta boscaglia che circonda lo sterrato che porta al fiume Reno e il pakistano è scappato, pedalando a tutta forza.

 

ll ciclista ha capito subito di essersi imbattuto nell'uomo più ricercato d'Italia e ha chiamato i carabinieri. Portato in caserma a Molinella, è stato sentito dal pm Marco Forte in persona. Gli sono state sottoposte delle foto segnaletiche e non ha avuto dubbi: «Era Igor, lo riconosco dalla foto. Non ho dubbi, era lui, solo più magro e con la barba lunga. Voleva la mia bici. Mi pareva in condizioni precarie, forse stava male».

A quel punto sono scattate le ricerche da parte delle forze speciali che hanno rastrellato l’area e le case circostanti. "Erano armati di fucile – racconta un testimone –. Non abito più qui da qualche anno, ci torno soltanto alcuni fine settimana. I soldati hanno messo a soqquadro la casa, controllato anche i garage e l’orto. Ma Igor non c’era e chissà dov’è andato".

Gli inquirenti ritengono credibile la testimonianza. Potrebbe in effetti essere stato Feher ad avvicinare il pakistano, anche se di solito non si comporta così, preferendo semmai rubare oggetti incustoditi. Ma forse le sue condizioni sono al limite, a causa di fame e stanchezza, ed è costretto a correre dei rischi.

E’ proprio quello che sperano i carabinieri e la Procura, dopo un mese di caccia infruttuosa. Sperano in un passo falso dettato dalla forte pressione a cui il fuggiasco è sottoposto. Ovvio che il pakistano potrebbe anche essersi sbagliato, visto che in zona ci sono parecchi sbandati. Però la coincidenza sarebbe strana. Mentre la terza possibilità, ovvero che lo straniero si sia inventato tutto di sana pianta, secondo gli inquirenti non avrebbe alcuna motivazione.

Nel frattempo, i blitz continuano incessanti e approdano anche fuori dalla zona rossa. Secondo le tracce fiutate dai cani molecolari, Feher-Igor nei giorni scorsi avrebbe usato l'argine del Canale della Botte per arrivare al ponte Bailey, a Baricella, e da qui ha continuato sul canale Savena Abbandonato ad Altedo di Malalbergo. In questa zona ancora inesplorata i carabinieri hanno perciò organizzato i posti di blocco: dopo aver perquisito le auto, hanno invitato tutti a tornare in fretta a casa. Al setaccio soprattutto station wagon, furgoni e camion. Purtroppo del serbo non c’era alcuna traccia. I controlli si sono poi allargati a un un piccolo santuario lì vicino. Ma è stato tutto inutile, Del fantasma non c'è traccia, non ancora.

Cronaca
Dall’impianto di areazione, composto da un sistema di ventole per il ricambio dell’aria, all’utilizzazione di diverse lampade alogene in alluminio
immagine

 

PALERMO - Continuano i controlli allo Zen. Nella notte, i Carabinieri della Stazione di San filippo Neri hanno scovato una coltivazione indoor di piante di marijuana: 59 piante, 1 metro ciascuna, nascoste in un cunicolo sotterraneo collocato al di sotto di un padiglione.
Scovate anche apposite apparecchiature predisposte per la cura nei minimi dettagli: dall’impianto di areazione, composto da un sistema di ventole per il ricambio dell’aria, all’utilizzazione di diverse lampade alogene in alluminio, complete di paraluce, essenziali per il riscaldamento.
I Carabinieri, con l’aiuto dei Vigili del Fuoco, individuavano, sul pavimento di un vano condominiale, una botola: avuto accesso ad essa, e seguendo le tracce che il fortissimo odore della marijuana sprigionava, hanno rinvenuto, dietro un parete, piante e materiale.
Sono in corso gli accertamenti per individuare i proprietari della coltivazione.

Il caso
Deciso di somministrare di nuovo circa 20 mila dosi, per una spesa di qualche centinaio di migliaia di euro
immagine

 

 FRIULI - Un terzo delle dosi somministrate in Friuli ai bimbi sotto l'anno di età e circa la metà di quelle date ai bambini più grandi dall'assistente sanitaria trevigiana sospettata di aver finto le vaccinazioni non sarebbero state somministrate correttamente. Attuando il principio della massima precauzione, la task force sanitaria interaziendale ha deciso di ripetere le vaccinazioni a circa 7000 bambini, somministrando di nuovo circa 20 mila dosi, per una spesa di qualche centinaio di migliaia di euro. Lo ha reso noto la task force a Udine.

Cronaca
Adesso la cifra è di tre milioni di pesos invece che un milione e mezzo
immagine
 
di Angelo Barraco - Paolino Canzoneri
 
NAPOLI – Importanti novità in merito alla misteriosa scomparsa della piccola Angela Celentano, avvenuta sul Monte Faito nell’agosto del 1996 quando la piccola aveva soltanto 3 anni. Il Ministero della Giustizia del Messico ha raddoppiato la ricompensa per chi è in grado di fornire informazioni utili su Celeste Ruiz, la ragazza che in questi anni è divenuta un vero e proprio enigma dietro il quale si sono formulate innumerevoli teorie ma che secondo alcuni sviluppi investigativi, potrebbe essere proprio Angela Celentano. Adesso la cifra è di  tre milioni di pesos invece che un milione e mezzo. La notizia è stata diramata dai più importanti quotidiani messicani e siti internet e le autorità auspicano ovviamente a risultati concreti e alla massima collaborazione da parte dei cittadini per risolvere il mistero che gravita intorno a Celeste. L’Avvocato Luigi Ferrandino, legale dei genitori di Angela Celentano, ha dichiarato “Sono due i fatti importanti delle ultime ore: la prima è che la stampa diffonde di nuovo le notizie sul caso di Celeste Ruiz,  e questo permette di raggiungere quante più persone possibili. L'altra è che la ricompensa prevista sia così alta e di conseguenza allettante, tenuto conto dell'importanza di una cifra di 3 milioni di pesos in un Paese con ampie sacche di povertà come il Messico”. 
 
Si era tornato a parlare della piccola Angela Celentano nel marzo scorso, quando i quotidiani nazionali riportavano la notizia di ulteriori approfondimenti investigativi  in merito alla vicenda da parte del Pm della Procura di Torre Annunziata, Sergio Raimondi, che ha deciso di ascoltare come persona informata sui fatti Rosa Celentano, la cugina di Angela e figlia del fratello del Signor Catello Celentano, padre della piccola Angela. Rosa Celentano  oggi ha 34 anni ma all’epoca dei fatti ne  aveva  tredici  e secondo quanto riportano da diversi quotidiani, raccontò di aver sognato, il giorno prima della scomparsa, che Angela spariva nel bosco. La volontà degli inquirenti è sicuramente quella di approfondire tutti i passaggi chiave che hanno preceduto il momento della scomparsa di Angela  attraverso quelle dichiarazioni e testimonianze che all’epoca non furono sufficientemente valutare anche alla luce delle novità emerse sul fronte investigativo negli ultimi anni e lo sviluppo continuo di  tecniche d’indagine che consente analisi e approfondimenti su vari fronti. Le novità relative al sogno di Rosa Celentano hanno sollevato un polverone mediatico su una vicenda che da tanti, troppi anni è in attesa di risposte concrete.
 
In merito alla vicenda di Rosa Celentano, noi de L’Osservatore D’Italia parlammo con l’Avvocato Luigi Ferrandino, legale della famiglia, che oltre ad averci spiegato in dettaglio i passaggi relativi a quella vicenda, ci ha parlato della pista messicana e di quanto si stava facendo per ottenere una qualsiasi forma di risultato. “va precisato che la ragazza ha riferito che non si tratta di un sogno ma lei raccontava la favoletta di cappuccetto rosso ad Angela il giorno precedente all’evento, sostituendo cappuccetto ad Angela quindi diceva ‘Angela va a portare il cestino alla nonna, arriva il lupo e se la prende’”. Quindi non era un sogno “No, lei lo ha chiarito. In quella circostanza lei, rivolta alla zia qualche minuto dopo, disse ‘zia Maria ma tu t’immagini se domani si pigliano ad Angela?”.  L’Avvocato aggiunge “questa battuta di una bambina non fu presa in considerazione in quel momento dai familiari, successivamente –passati un paio d’anni dalla scomparsa di Angela- qualcuno ha raccontato ai Carabinieri questo episodio a cui è stato dato un significato oltre quello che era il fatto reale”. In merito alla convocazione in Procura di Rosa ha precisato “la Procura su pressione della famiglia attraverso me riesce ad ottenere che il Ministro Orlando si interessi personalmente della storia. Il Ministro Orlando fa pressione sui Magistrati e dice di fare tutto il possibile per trovare questa ragazza, per cui uno dei passaggi fondamentali è quello di ricostruire tutti i momenti precedenti, in costanza e successivi alla scomparsa di Angela e quindi hanno ripreso tutte le carte dell’indagine di allora e alla luce delle nuove esperienze e delle nuove tecnologie stanno rivalutando tutte le testimonianze e riascoltando tutti i testimoni fondamentali, stanno rivedendo filmati, carte ecc… compreso quella di Rosa Celentano”. L’Avvocato ha precisato inoltre che “La ragazza ha dato tutti i chiarimenti possibili, ha collaborato quanto più poteva”. Abbiamo chiesto all’Avvocato come procedono gli approfondimenti in merito alla pista messicana e su Celeste Ruiz e ci ha riferito “il Procuratore ha riferito che la pista non è chiusa, che l’indagine è in corso e che loro non molleranno finché non si raggiungerà un risultato, qualunque esso sia non molleranno. Ci hanno detto che c’è una squadra in Messico che sta lavorando”.
 
Uno dei misteri più fitti e tristi degli anni 90 è quello che coinvolge una pacifica e religiosa famiglia di Vico Equense, un comune della penisola sorrentina posta tra il golfo di Napoli, i monti Lattari e il golfo di Salerno. E' sabato 10 Agosto, una giornata calda fortemente soleggiata e ideale per trascorrerla insieme agli amici della comunità Evangelica nel vicino monte Faito facilmente raggiungibile e classica meta per scampagnate e pic-nic. I bimbi delle famiglie del gruppo di amici non stanno nella pelle dalla gioia, è una delle occasioni più belle per giocare e divertirsi nella loro età di spensieratezza e di felicità perenne. In una zona boscosa del monte c'è chi immortala con una telecamera quei momenti di gioia e di congregazione del gruppo festoso di quaranta amici fra adulti e bambini che corrono qua e là sempre con l'occhio vigile dei genitori. Poco dopo le 13 circa Renato, bimbo di 11 anni percorre un breve tratto di strada boscosa per andare a riporre il pallone da gioco nella macchina del padre, crede forse d'essere da solo ma di li a breve si accorge che  Angela, una bimba di soli tre anni figlia della famiglia Celentano lo segue silente a piedi a poca distanza. Undici anni bastano forse per impensierire Renato che invita Angela a tornare subito indietro dagli altri e a non seguirlo ma la bambina non lo ascolta e continua a seguirla fino a che il sentiero si fa più impervio e si intreccia con altri sentieri. Facile perdersi ma Renato ha una età che lo rende più consapevole e più capace ad orientarsi e dopo aver riposto il pallone nella macchina del padre ritorna sui suoi passi ma non vede più Angela. Non passa molto tempo e l'assenza di Angela impensierisce genitori e amici che cominciano a cercarla nelle vicinanze chiamandola a voce ma purtroppo senza risposta. Angela Celentano sparisce lasciando dietro se angoscia e tormento diventando cosi uno dei misteri dell'Italia della seconda metà degli anni 90. Come una tragica prassi da quel momento in poi testimonianze contrastanti e confuse anche dei bambini infittiscono il mistero e le riprese video putroppo non mostrano anomalie o dettagli rilevanti. Una angoscia perenne che prosegue per molti anni di silenzio e di sofferenza per i coniugi Celentano che mai si sono arresi neanche per un attimo. Sofferenza interrotta da una fievole speranza iniziata nel maggio del 2010 dove una giovane ragazza messicana Celeste Ruiz inizia ad intraprendere una corrispondenza tramite invio e ricezione di mail con la famiglia Celentano in cui lei assicura d'essere Angela. Una foto inviata in allegato ad una mail lascia attoniti e perplessi i genitori e l'Italia intera perchè la rassomiglianza è piuttosto evidente e il volto della giovane Celeste sembra proprio avere tutti i connotati del volto della piccola Angela. Le mail e il contatto sembrano infittirsi ma non mancano di suscitare confusione e incredulità in una Italia che si divide fra chi crede che quella ragazza sia in realtà Angela e chi invece reputa possa essere l'ennesimo buco nell'acqua. Il governo messicano a questo punto interviene fissando una grossa ricompensa di circa 80mila euro in pesos per coloro che riusciranno a fornire dettagli e informazioni veramente utili per individuare la ragazza. Un contatto e una speranza che scalda il cuore dei coniugi Celentano che credono nella ragazza fomentati dall'esito positivo del Ris ed esperti vari che non trovano tracce di manomissioni nella foto della ragazza inviata da Celeste Ruiz. Anche l'avvocato Luigi Ferrandino crede fermamente che la ragazza non sia assolutamente una mitomane ma è pur vero che Celeste non rivela mai espressamente dove la si possa trovare e non spiega mai perchè non sia in grado di tornare e spesso lo scambio di mail tende a interrompersi bruscamente per certi periodi per poi riprendere nuovamente. Una linea diretta fra i due paesi in merito al caso Celentano è attivo ed intenso oramai da anni.
L'operazione della Polizia
Contatti tra il marocchino e l'autore della strage al mercatino di Natale di Berlino
immagine

 

BRINDISI - Operazione antiterrorismo della Polizia: un cittadino congolese, in passato ospite del Centro per rifugiati di Brindisi, è stato arrestato mentre un marocchino, risultato in contatto con Anis Amri, l'autore della strage al mercatino di Natale di Berlino, è stato espulso dall'Italia.

Dall'indagine della Digos di Brindisi, coordinata dalla Dda di Lecce e dalla Procura nazionale Antimafia e Antiterrorismo, è emerso che i due facevano parte di una cellula salafita operante a Berlino e avevano aderito all'Isis. In manette, con l'accusa di associazione con finalità di terrorismo internazionale, è finito Lutumba Nkanga, congolese di 27 anni e residente in Germania, mentre il marocchino Soufiane Amri, il ventiduenne che era in contatto con l'attentatore di Berlino, è stato espulso dall'Italia. Entrambi, dicono gli investigatori, avevano aderito all'Isis ed erano pronti a compiere azioni violente, fino al martirio, in diversi scenari operativi

Reggio Calabria
Nella rete dell'Antimafia vertici, affiliati e prestanomi
immagine

 

E’ in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione della Polizia di Stato per l’esecuzione di 20 Ordinanze di custodia cautelare su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria nei confronti di elementi di vertice, affiliati e prestanomi della potente cosca PESCE di Rosarno (RC), ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, favoreggiamento personale nei confronti del boss latitante PESCE Marcello, arrestato dalla Polizia l’1 dicembre 2016, nonché di traffico e cessione di sostanze stupefacenti ed intestazione fittizia di beni. L’operazione è la prosecuzione dell’inchiesta Recherche nell’ambito della quale, il 4 aprile scorso, la Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria e il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato avevano fermato 11 soggetti affiliati e prestanomi alla cosca PESCE e sequestrato beni e società operanti nel settore agroalimentare e dei trasporti di merci su gomma per conto terzi, per un valore di circa 10 milioni di euro.

Gli arresti Dodici ordinanze di custodia cautelare in carcere, sei agli arresti domiciliari e una con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria è il bilancio dell’operazione Recherche 2 portata a termine questa mattina dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria e dallo SCO di Roma. Otto soggetti in più rispetto agli undici fermati il 4 aprile scorso finiscono nella rete dei investigatori della Polizia di Stato. Si tratta per lo più di uomini di fiducia del carismatico PESCE Marcello, facenti parte della sua rete di protezione e della filiera comunicativa, grazie ai quali il boss latitante riusciva ad amministrare le risorse finanziarie incamerate dalla cosca, di assegnarle ai membri del sodalizio detenuti ed ai loro familiari, di gestire, in regime di sostanziale monopolio, l’attività di trasporto merci su gomma per conto terzi, di curare i rapporti con le altre consorterie, intervenendo, a più riprese, per risolvere alcune controversie sorte all’interno della propria compagine criminale o con altre organizzazioni della ‘ndrangheta.

Marcello Pesce il capo Nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, PESCE Marcello viene indicato come capo, promotore ed organizzatore dell’omonima articolazione territoriale della ‘ndrangheta operante a Rosarno (RC), con poteri decisionali e capacità di pianificazione delle azioni delittuose, degli obiettivi, delle attività economiche e di riciclaggio del denaro sporco della cosca di appartenenza. Per esercitare il pieno controllo del trasporto di merci su gomma, PESCE Marcello era riuscito a mettere in piedi un sistema di società (Getral, Le Tre Stagioni, Azienda Agricola Rocco Pesce) intestate a prestanomi che sono stati arrestati nel corso dell’operazione.

Il traffico di droga Nel traffico di sostanze stupefacenti gestito dall’articolazione della cosca PESCE, facente capo a PESCE Marcello, erano coinvolti anche soggetti della provincia di Cosenza, Vibo Valentia e Catania. I trafficanti rosarnesi, godendo evidentemente di molta credibilità, avevano anche svolto attività di mediazione per l’acquisito di rilevanti quantitativi di marijuana tra alcuni soggetti catanesi e fornitori cosentini. Contestate tre cessioni di marijuana di 38, 67 e 4 kg. Contestato anche il delitto di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

La rubrica
Questo tipo di calzari sono eleganti ma, allo stesso tempo casual, possono essere indossati per ogni occasione
immagine

 

di Giusy Ercole

 

I sandali capresi sono accessori, ma anche souvenir tipici dell'isola di Capri, e passeggiando tra le sue stradine sono tante le botteghe storiche che realizzano questo tipo di calzatura, sono a carattere familiare che tramandano la tradizione, creano delle vere opere d'arte originali, e vederle in vetrina non si può fare a meno di fermarsi a guardare. Questo tipo di calzari sono eleganti ma, allo stesso tempo casual, possono essere indossati per ogni occasione. Sono un tipo di calzatura che non hanno tempo, sono eterni infatti, risalgono al periodo del popolo dei romani quando l'imperatore Tiberio governava l'Impero dall'isola, si dice che indosse questo tipo di calzare con strisce di pelle che si allacciavano intorno alla caviglia. I colore nell'antico Impero per i sandali venivano scelti in base allo status sociale di appartenenza. Giulio Cesare indossava a quanto pare i sandali viola o rossi per lui e per suo figlio, più tardi vennero arricchiti e decorati con oro e pietre preziose. Negli anni '60 l'isola azzurra anche così chiamata venne frequentata dal jet set internazionale e molte dive come Brigitte Bardot passavano le loro vacanza sull'isola di Capri indossando i "capresi" come testimoniano le foto esposte per l'isola. Anche Jackie Kennedy nel '62 passeggiava tra le stradine sfoggiando i suoi sandali insieme ai pantaloni capresi altro capo tipico dell'isola, da allora grazie ai mass media i sandali e pantaloni tipici vennero conosciuti in tutto il mondo. Capri è l'isola più bella del mondo, e ha delle caratteristiche che la rendono unica come il cibo, l'odore dei fiori che si sente quando si passeggia tra le stradine, la movida notturna, e gli abitanti sono gentili e cordiali come ad esempio, Stefania Esposito la bella ragazza caprese che per mestiere crea i sandali e ha accettato di rispondere a qualche domanda.
 

Stefania da quanto tempo fai questo mestiere?
Sono sette anni che lavoro come ciabattina, non sono nata sull'isola ma, vivo da quando ero piccolissima.
 

Chi compra i sandali e che topologia di clientela avete?
Molti vips che vengono in vacanza comprano i sandali capresi con semplici strisce più larghe facili e comode da indossare. I sandali vengono realizzati anche per uomini e quest'ultimi preferiscono strisce più larghe, facili e comodi da indossare. Alcune spose si sono rivolte a me per avere un paio da sfoggiare per la festa dopo la cerimonia, per ballare e su questo tipo di sandalo ho inciso le iniziali degli sposi e la data del loro sogno.
 

Che tipo di materiale si usa per realizzare questo accessorio?
Premesso che noi Italiani siamo i maestri del "su misura", abbiamo anche le materie prime come il vero cuoio toscano che è la base per la realizzazione di un paio di sandali comodi ma, soprattutto che durano nel tempo.
 

Cronaca
Dott.ssa Petrillo: "Solo un forte senso del limite riuscirebbe a fermarlo, solo la determinazione di chi lo sta braccando può scoraggiarlo"
immagine
 
di Angelo Barraco
 
 
BOLOGNA – Continua imperterrita la caccia a Norbert Feher, il killer serbo di 41 anni meglio noto con il nome di Igor Vaclavic o “Igor il Russo” che il primo aprile scorso ha ucciso Davide Fabbri, barista di Budrio e successivamente, a Portomaggiore (Ferrara), ha ucciso la guardia volontaria Valerio Verri.  Nel corso delle incessanti ricerche, gli inquirenti hanno appurato che dall’interno di un garage-ripostiglio è sparito un kit del pronto soccorso con bende, disinfettante e garze.  Il proprietario del casolare, che si è accorto dell’assenza del kit, non ha saputo riferire a quanto risalisse il furto. Un altro punto che dovranno analizzare gli inquirenti è se gli strumenti di bendaggio sottratti in quel casolare sono gli stessi rinvenuti in data 8 aprile all’interno del Fiorino a Molinella. Si è detto e scritto tanto su Igor il Russo, una figura che sta suscitando interesse per via della sua capacità di mutare se stesso, di trasformarsi ed essere il giorno e la notte in un breve arco temporale. Una trasformazione tanto rapida quanto dolorosa che ha lasciato dietro di se una lunga scia di sangue. In carcere era un detenuto modello, svolgeva una moltitudine di corsi e sapeva farsi apprezzare e rispettare. Sapeva essere il giorno e la notte a distanza di poche ore; ma chi è veramente Igor? 
 
Una lunga scia di terrore e violenza che l’uomo si porta addosso da molto tempo e dagli accertamenti è emerso inoltre che in passato era stato processato a Ferrara, nel suo paese invece è ricercato per rapina e violenza sessuale. Le ricerche proseguono senza soste e  ci sono circa mille uomini delle forze dell’ordine che scandagliano ogni luogo  possibile nascondiglio da lui utilizzato. Alle ricerche partecipano anche i paracadutisti dei Carabinieri e i “Cacciatori” di Calabria,  ma la domanda che si pongono tutti è sempre la stessa: dove si nasconde “Igor”? Qualcuno lo sta aiutando in questa folle fuga?
 
Gli inquirenti hanno scandagliato prevalentemente i boschi, i canali e le campagne della provincia di Bologna, particolare attenzione per i casolari. Una delle ipotesi avanzata dagli inquirenti è che “Igor” possa essere fuggito tra i canali Marmorta e Campotto sottraendo un’imbarcazione. Gli inquirenti hanno raccolto una mole di segnalazioni relative a possibili avvistamenti che lo collocavano nei posti più disparati, una che ha destato molto clamore e particolare attenzione riguardava quella di un giovane originario della Repubblica Ceca che percorreva l’Europa a piedi, tante le segnalazioni ai Carabinieri poiché insospettiti da uno zainetto nero. Tante sono anche le segnalazioni che si possono considerare inattendibili. L’ausilio dei cani molecolari è certamente fondamentale per l’individuazione del killer ma la pioggia e il vento può essere un serio e irrimediabile problema perché le tracce lasciate dall’uomo possono essere cancellate. Purtroppo non stiamo raccontando le nuove avventure di Diabolik, l’eroe mascherato che riesce sempre a sfuggire alle forme di controllo dello Stato, non sono storie da telefilm americano con finale a sorpresa.
 
Qui il finale è tutto da scrivere poiché la storia che vi abbiamo raccontato non è frutto di immaginazione alcuna ma pura verità in divenire e con possibili risvolti, i morti ci sono veramente, ci sono le famiglie che hanno perso un congiunto e oggi si trovano ad accarezzare una foto dentro una cornice, con una mano che sfiora il vetro e con l’altra si asciugano le lacrime. C’è un paese confuso che vive con la speranza che un killer spietato venga arrestato e consegnato alla giustizia, che venga condannato ad una pena esemplare senza sconti e senza possibilità futura di poter tornare in libertà tra i liberi, ovvero tra tutti coloro che hanno scelto di vivere un’esistenza terrena pulita, trasparente e limpida, senza un morto sulla coscienza e senza macchiarsi di delitti. C’è poi la speranza nella giustizia divina, dove molti stringono tra le mani un rosario che scalfisce l’indice e il medio con le punte estreme di una croce in metallo, tracciando solchi invocativi e inni alla speranza nel cambiamento dove i soggetti  pregano Dio affinché l’altissimo salvi l’uomo dai peccati e dai peccatori che distruggono il mondo e ogni bene e purezza terrena. Cambia la forma mentis, certamente, ma il principio di base è lo stesso: “È la giustizia, non la carità, che manca nel mondo” come disse la filosofa e scrittrice britannica Mary Wollstonecraft Godwin.
 
Noi abbiamo parlato con la Dott.ssa Mary Petrillo, Docente in materie  di criminologia all’Univ. Cusano e Coordinatrice Crime Analysts Team (CAT) che ha tracciato in esclusiva per noi un profilo di “Igor/Norbert”. “Al momento non possiamo affermare con certezza che "Igor/Norbert" sia un soggetto psicopatico, purtroppo il termine è spesso abusato, ma ha invece un suo significato ben preciso e va diagnosticato e valutato con strumenti idonei.  Una cosa è certa abbiamo a che fare con un soggetto molto pericoloso ed ora che è in fuga, vagando tra i boschi e rasentando i luoghi abitati, sappiamo quanto sia temibile per lo stato di tribolazione che in questo momento starà vivendo, come fosse una "belva" affamata e braccata. Pur essendo molto preparato a vivere fino allo stremo, sappiamo che ha un ottimo addestramento militare, ciò non significa che non si senta comunque oppresso ed è proprio questa sensazione che lo rende più pericoloso. La percezione, poi, che ognuno di noi sta avendo riguardo questo soggetto è proprio quella di un elemento nocivo e questa sua lunga fuga lo rende anche ammantato di mistero. L'immaginario collettivo lo vede quindi portatore di caratteristiche di crudeltà e terrore, infatti, come ci viene descritto da chi lo ha conosciuto o che ci ha avuto a che fare, come vittima delle sue nefandezze, Igor è identificato come una sorta di "animale" selvaggio, crudele, dalle pulsioni irrefrenabili fino al punto di uccidere e quindi ad essere una vera e propria minaccia per l'incolumità delle persone, questo perché, tenendo conto dei suoi trascorsi, sembra che possa irrompere da un momento all'altro nella nostra vita quotidiana, portando distruzione e, come già avvenuto, morte. Ciò mette a repentaglio la salute psichica delle persone che vivono in quei luoghi e questa situazione col suo perdurare genera in loro paura e angoscia. Quindi chi è Igor? Igor rappresenta qualcosa di misterioso, infatti, ha molte personalità: Igor, Norbert e chissà quante altre a noi sconosciute, è un soggetto crudele, la sua violenza è smisurata quanto il suo ego. Sicuramente si muove preferibilmente la notte piuttosto che il giorno, proprio per scampare al pericolo di essere catturato. È energico, astuto, dotato di potenza fisica, è forte, brutale e temibile. Igor desidera e si prende ciò che vuole, ha, a mio parere, una vera e propria pulsione di possedere. Questo perché è sicuramente un insoddisfatto, avido, aggressivo, famelico e distruttivo. Gli dà forza il suo forte istinto alla conservazione che paradossalmente, semmai si sentisse minacciato, lo porterebbe invece a rischio suicidio, pur di non essere catturato. Solo un forte senso del limite riuscirebbe a fermarlo, solo la determinazione di chi lo sta braccando può scoraggiarlo o anche il "tradimento" di qualcuno che, eventualmente,  lo stia coprendo nella fuga ( questo forse potrebbe essere l'unico modo per catturarlo vivo!). Ha sicuramente un atteggiamento reattivamente recriminatorio verso le persone e le situazioni per lui frustranti, è, secondo me, un soggetto che cerca di limitare la sua angoscia, il suo senso di dipendenza che esplica attraverso il fumo e probabilmente l'alcol, il cibo o altro tipo di sostanze, con la commissione di questi atti criminali,  attraverso i quali egli tende a gratificarsi e affrancarsi dal forte senso di angoscia che lo pervade e che è un po' tipico dei cosiddetti "reduci di guerra" , spesso affetti anche da disturbo post traumatico da stress. Molti di questi soggetti con le persone che servono ai loro scopi, manifestano anche una certa inclinazione al vittimismo, possono essere logorroici e questo sempre perché in realtà sono invece narcisisti che pensano agli altri sempre in funzione dei loro scopi e lo fanno, appunto, sia adottando un comportamento dimesso o anche ironico, sempre se funzionale ai suoi scopi ( ad esempio in carcere, o con conoscenti), sia attraverso una strategia aggressiva come finora accaduto. Si tratta, quindi, molto probabilmente, di una persona con una spiccata tendenza narcisistica, questo tipo di soggetti hanno un forte bisogno di essere riconosciuti e ammirati anche in situazioni estreme, proprio come Igor, sono incapaci di costruire legami affettivi e duraturi. Igor/Norbert è una figura losca, pericoloso per tutti e catturarlo è fondamentale per dirimere la sensazione di panico che ha generato in tutti noi e per quelle persone che vivono in quei luoghi affinché possano ritrovare un equilibrio psichico e sentirsi salvi”.
L'iniziativa
Carpe Diem per bambini dai 6 agli 11 anni, tutti i mercoledì di maggio (3-10-17-24-31) dalle 17 alle 18.30 a Canova
immagine

 

TRENTO - Nella sezione Alla scoperta dei parchi della città sono previsti giochi al parco e attività ludico sportive a cura dell'A.P.S. Carpe Diem per bambini dai 6 agli 11 anni, tutti i mercoledì di maggio (3-10-17-24-31) dalle 17 alle 18.30 a Canova.
Gli stessi giochi sono proposti in contemporanea con lo stesso orario, sempre di mercoledì nel giardino di Spini.
Nel giardino di Ravina appuntamento con il frisbee dalle 16.30 alle 18 per ragazzi dai 10 ai 14 anni, venerdì 28 aprile a cura della S.C.S. Progetto 92.
Sempre a Ravina venerdì 5 maggio dalle 14.30 alle 16 la S.C.S. Progetto 92, in collaborazione con il G.S. Belvedere Basket, propone il basket ai bambini dai 6 ai 10 anni.
Nel giardino dell'Arcobaleno a Gardolo, lunedì 8 maggio dalle 15.30 alle 17.30 si gioca a calcio: attività rivolta a bambini dagli 8 ai 13 anni a cura della S.C.S. Progetto 92.
Per i ragazzi interessati a conoscere il rugby il calendario di sport nel verde prevede tre pomeriggi a cura dell' A.S.D. Rugby Trento, in piazza Dante: il primo, venerdì 5 maggio ore 19 fino alle 21.30 per ragazzi dai 18 ai 25 anni, gli altri due appuntamenti sono previsti venerdì 12 e venerdì 19 maggio dalle 18 alle 20.30 per ragazzi dai 14 ai 18 anni.
Il calendario di Ben..essere in movimento prevede gli appuntamenti con la ginnastica dolce, a cura della S.C.S. Kaleidoscopio - Centro Servizi Anziani Contrada Larga al giardino Santa Chiara mercoledì 10-17-24-31 maggio dalle 10 alle 11: l'attività è per persone dai 60 anni in su.
Appuntamento tradizionale con il nordic walking ogni martedì di maggio (2-9-16-23-30) dalle ore 16.45 alle 17.45: l'attività è a cura dell' A.S.D. Nordic Walking Arcobaleno ed è svolta nel prato adiacente il parco delle Albere. Il ritrovo è previsto nel parcheggio Monte Baldo.
Nel giardino di Maso Ginocchio sono previsti invece giochi di squadra per tutte le età, a cura della S.C.S. Progetto 92, dalle 16 alle 18 venerdì 12 e venerdì 19 maggio.
Si ricorda infine il primo appuntamento con le escursioni a cura dell' Area-A.P.P.M. Onlus. E' prevista infatti la passeggiata sul Monte Calisio domenica 30 aprile dalle ore 9 - 18 per tutti. Per tale iniziativa, eccezionalmente, è richiesta entro il venerdì precedente una prenotazione al numero 345 / 200901 oppure al numero larea.point@appm.it.

---


Il Comune di Trento, da sempre attivo nella promozione dello sport, propone anche per l’estate 2017 il progetto Sport nel verde, finalizzato a valorizzare le strutture sportive presenti nei parchi e nei giardini della città grazie ad una serie di appuntamenti realizzati in collaborazione con le cooperative sociali, le associazioni sportive e di volontariato.
Il progetto prevede due diversi calendari di attività:
Alla scoperta dei parchi della città: attività ludico-motorie per bambini e ragazzi. Il progetto rivolto a bambini e ragazzi promuove l’utilizzo degli spazi e delle attrezzature sportive ubicati nei parchi e giardini del territorio comunale in modo libero e gratuito, affinché possano praticare attività motoria e sportiva.
È l’occasione per fruire degli oltre 130 ettari di superficie verde, parchi e giardini pubblici dotati di strutture dedicate allo sport del territorio del Comune.
Le attività proposte sono:
• Avvicinamento alla ginnastica artistica,
• Baseball e minibaseball,
• Basket e minibasket,
• Basket femminile,
• Beach volley,
• Bocce,
• Break dance,
• Calcetto,
• Calcio a 5,
• Cricket
• Flag football,
• Frisbee,
• Giochi sportivi e ricreativi,
• Giocoleria,
• Judo,
• Mountain bike,
• Orienteering,
• Palla prigioniera,
• Pallavolo,
• Ping pong,
• Qwan ki do e kung fu,
• Rugby,
• Scacchi e scacchiera gigante,
• Slack line,
• Staffetta sportiva.

In totale sono 182 eventi in 25 parchi della città (più il Bocciodromo Comunale di Canova), proposti da 23 associazioni di volontariato. Fino a settembre i volontari, in giorni e ad orari ben definiti ed indicati nel calendario, sono presenti in vari parchi e giardini del territorio ed invitano bambini e ragazzi a praticare attività sportive di vario tipo utilizzando le strutture messe a disposizione dall’Amministrazione comunale.
Ben...essere in movimento: attività motorie per adulti e famiglie
La proposta affianca le iniziative in favore dei giovani con attività sportive rivolte agli adulti, anziani e famiglie. L’iniziativa è sostenuta anche dall’Osservatorio per la salute della Provincia autonoma di Trento.
Le attività sono:
• Attività fisica per adulti
• Bocce
• Camminata sostenuta
• Fitness
• Ginnastica dolce
• Mountain Bike
• Nordic walking ed escursioni
• Percorso ad ostacoli
• Qwan ki do
• Scacchi
• Scherma storica e tiro con l'arco storico
• Sport di squadra
• Viet Tai Chi
• Yoga
• Zumba

Gli eventi previsti nel calendario Ben..essere in movimento sono 61 ed i parchi interessati 15. I soggetti che hanno aderito sono 14.
Sono previste anche tre escursioni/passeggiate per famiglie per 3 domeniche nei mesi di aprile, maggio e settembre.
Le attività di Sport nel Verde si svolgono nei mesi di maggio, giugno, luglio, agosto e settembre. La partecipazione alle attività è libera e gratuita.
I volontari/istruttori presenti nei parchi o nei punti di ritrovo sono riconoscibili dalla caratteristica maglietta verde con la scritta “staff” per la sezione Alla Scoperta dei Parchi della città e dalla maglietta arancione per la sezione Ben..essere in movimento: sono ben lieti di accogliere tutti coloro che vogliono partecipare alle iniziative per praticare insieme attività fisica all’aperto, gratuitamente ed in allegria.
Si ricorda che in caso di maltempo le iniziative sono annullate.
I calendari completi delle attività sono disponibili nei volantini promozionali predisposti per entrambe le iniziative del progetto e saranno nei prossimi giorni in distribuzione sul territorio (Circoscrizioni, Biblioteche, Urp, Poli sociali, Ambulatori medici...).
I calendari sono pubblicati anche sul sito dell'amministrazione comunale www.comune.trento.it seguendo il percorso aree tematiche sport-progetti "Sport nel verde": ogni evento è riportato anche nel calendario degli eventi sportivi nel menu di sinistra.
Novità importantissima di quest'anno è la pagina Facebook dell'Ufficio Sport:
Trento Sportincomune dove saranno riportate le informazioni riguardanti gli eventi di Sport nel verde e altri eventi sportivi con un aggiornamento in tempo reale.

Inizio
<< 10 precedenti
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX OFFICINA STAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact