Tag Titolo Abstract Articolo
Tra realtà e fantasia
Europa, cronaca di un fallimento annunciato
13/07/2017 18:31:00
Ormai spingere ancora l'idea europea è come frustare un cavallo morto

di Roberto Ragone
 
Per usare una metafora abusata, ormai assurta a luogo comune, i ‘Padri Fondatori’ dell’idea europea, nel vedere ciò che i nostri contemporanei ne hanno fatto,  si staranno rivoltando nella tomba. Alludo a coloro che vengono ufficialmente ritenuti all’origine di un progetto europeo, che avrebbe visto, nella loro intenzione, una unica federazione, all’americana, di tanti stati geograficamente europei, ma in realtà eterogenei e con storie, tradizioni, abitudini, lingue, monete, economie e politiche interne profondamente diverse.  Un po’ come pretendere di unire l’acqua e l’olio.
 
Ma si sa, il mondo usciva da una guerra devastante con decine di milioni di morti, con racconti di atrocità compiute da chiunque contro chiunque, e l’America, intervenuta a ribaltare le sorti di un conflitto che senza il suo intervento avrebbe sancito il dominio nazifascista, era un miraggio a cui tendere; oltre al fatto che tutti avevano un gran bisogno di qualcosa che garantisse la pace. Possiamo solo rimarcare, a posteriori, l’ingenuità di tale disegno anche un po’ romantico,  perseguito tenacemente sul piano economico, oltre che politico. Storicamente abbiamo sette nomi: gli italiani Alcide De Gasperi, e Altiero Spinelli, i francesi Jean Monnet e Robert Schumann,  il lussemburghese Josef Bech, il tedesco Konrad Adenauer, il belga Paul-Henri Spaak.
 
A questi s’aggiungono altri, citati nel sito web storico dell’Unione Europea come un vasto ‘gruppo eterogeneo di persone mosse dagli stessi ideali: la pace, l’unità e la prosperità in Europa’, come se il solo fatto di unire popoli e nazioni fosse garanzia di pace, unità e prosperità.  Tra questi ultimi troviamo il britannico Winston Churchill, il tedesco Walter Hallstein, gli olandesi Sicco Leendert Mansholt e Jan Willem Beyen. Ma certamente in quel momento storico l’opinione pubblica vedeva nell’unione di tanti stati che avevano partecipato al conflitto, e che ne erano stati deturpati, distrutti, assassinati, una soluzione imperitura che avrebbe potuto evitare che una terza guerra mondiale distruggesse definitivamente l’Europa.
 
In realtà, tante buone intenzioni erano destinate a naufragare, di fronte all’espansionismo di grandi potenze come gli Stati Uniti, che all’Europa e agli europei presentavano il conto, e della Unione Sovietica, decisa a conquistare al comunismo sovietico l’area del Mediterraneo. Tutto questo a grandi linee. Oggi, l’UE è ben altra cosa di quella che gli ideologi avevano progettato senza tener conto della natura dell’uomo. S'è finito per creare un carrozzone lento e burocratico, che, invece di semplificare e velocizzare qualsivoglia operazione, stenta, nelle pieghe di leggi, leggine e regolamenti, convocazioni, assemblee, commissioni, interventi, ideologie varie, a prendere decisioni che giustifichino la sua esistenza, partorendo, il più delle volte, il classico topolino. Succube, per stessa ammissione di chi a questo parlamento partecipa, delle lobby multinazionali, che impongono a quei parlamentari le loro decisioni commerciali. Dopo aver cercato invano di distruggere i nostri prodotti tipici, perché non rispondenti alle loro capotiche norme di produzione e sicurezza alimentare – mi viene a mente, perché la cosa mi ha colpito all’epoca, la proibizione di produrre ancora il nostro ‘Lardo di Colonnata’, un prodotto che esiste in quella forma solo in Italia, attacco sventato da una decisa reazione dei produttori italiani; e mi sovviene anche la classica frase, pronunciata a giustificazione di qualsiasi castroneria, "Ce lo chiede l'Europa". Come se l'Europa, o l'UE, fosse, Domineddio sulla terra  – nel tempo sono passati ad altro tipo di attacchi, per esempio l’imposizione di importare arance e altra frutta da paesi terzi, e olio d’oliva dalla Tunisia a milioni di quintali. Minando alla base quella che è la nostra economia, basata ancora molto sull’agricoltura e la produzione esclusiva di alcune tipicità. Altro attacco al nostro olio extravergine d’oliva è l’imposizione, purtroppo supportata a livello politico da una pretesa esigenza ‘strategica’, dal TAP, il gasdotto che porterà metano in Italia, e che è stato fatto passare attraverso i nostri secolari uliveti del Salento, quando molto più razionale sarebbe stato allungare il tratto sottomarino fino a Brindisi, già pronta a ricevere la pipeline. Non crediamo al fatto che questo non procurerà inquinamento e guasti, né crederemo mai alla parola delle multinazionali, o dei nostro governanti. Infatti, dietro ogni iniziativa c’è il profitto, a qualsiasi costo e senza scrupoli: come nel caso delle trivellazioni in Adriatico entro le dodici miglia, una volta proibite  e poi rientrate dalla finestra, in sordina. È in atto una operazione di grande respiro per impadronirsi della nostra penisola senza sparare un colpo, riducendo la forza lavoro alla miseria e alla disoccupazione, importando manodopera dall’Africa sotto forma di ‘migranti’, neologismo assurdo inventato per giustificare l’invasione – non sono anche gli Italiani stati ‘emigranti’, dopo la prima guerra mondiale, per fame? Ma con ben altri presupposti, checchè se ne dica. E gli Italiani hanno fatto grande l’America, un paese che aveva bisogno di riempire grandi spazi. Quelli che in Italia non ci sono. Ma torniamo all’argomento della nostra chiacchierata. Più di recente abbiamo scoperto, dalle pagine dei giornali, che l'invasione africana è stata permessa e propiziata dal nostro ex premier Matteo Renzi, in sede europea, in cambio di uno sforamento dei conti pubblici che gli avrebbe consentito di erogare le famose 'mance elettorali', a cominciare dagli 80 euro.
 
Oggi tutte le nazioni facenti parte di questa brigata Brancaleone hanno chiuso le frontiere ai migranti, costringendo l'Italia a 'salvare' gli occupanti dei barconi - in realtà andandoli a prendere in Libia entro le dodici miglia - operazioni compiute sotto molteplici bandiere, ma comunque remunerative. E quando la nave ha a bordo il suo carico umano, e chiede alla Capitaneria di Porto in Italia dove debba portare le centinaia di uomini, donne incinte e bambini senza genitori, la risposta è sempre quella: in un porto italiano, nonostante la legge del mare, quella stessa che impone di salvare i naufraghi, dica che la meta dovrebbe essere il porto più vicino, cioè, il più delle volte, Malta. La quale Malta non ci pensa proprio a ricevere neanche una comitiva in gita domenicale. Qui si dispiega il grande fallimento di una struttura voluta contronatura, che è ormai preda delle lobby e del profitto, e che tende ad appiattire ogni diversità nazionale. Oltre a pretendere di comandare in casa nostra e ad esigere versamenti miliardari: a pro di che? L'uomo della strada non lo può capire, oltretutto confuso com'è dalle notizie di banche e bancarelle, che sembra siano l'unico interesse del nostro governo. Don Matteo ultimamente pare abbia scoperto l'acqua calda: infatti ha dichiarato che con il Fiscal Compact non ci può essere crescita. Ma è la stessa cosa che da anni vanno ripetendo tutti gli economisti che siano obiettivi nei confronti di una politica che ha avuto il solo scopo di rendere l'Italia un paese di poveri.
 
Le statistiche parlano di 4,7 mln di persone in povertà assoluta: probabilmente è una cifra approssimata per difetto. La statistiche sono anche quelle che parlano di 'ripresa' economica, mentre si calcola come nuovo assunto anche chi ha svolto un lavoretto temporaneo, e così aumentano gli occupati. Ma, si sa, le statistiche distribuiscono sempre i dati, li spalmano, come si dice. Per cui sono rimasto esterrefatto nell'apprendere tempo fa che le mie entrate mensili assommavano a qualcosa vicina ai cinquemila euro, in quanto cittadino adulto di questa nazione. La verità è un'altra, nonostante Padoan. Il disegno parte da lontano, e la prima mossa decisiva è stata di Ciampi, il tanto celebrato personaggio già presidente del Consiglio, quello citato per l'ammontare - allora - delle sue numerose pensioni e vitalizi. Quello che disconnesse la Banca d'Italia dal Ministero del Tesoro, eliminando di fatto la possibilità di svalutare la lira a fine anno e pagare i debiti della nazione, sempre comunque virtuali. Per cui essi sono divenuti reali e impagabili.
 
La seconda mossa vigliacca è stata l'adozione dell'euro, targata Prodi. Tutto il resto, Monti compreso, è arrivato in seguito. Letta oggi si dice disgustato del commento di Renzi a proposito del suo "Stai sereno", che, a sentir lui, non sarebbe stato un colpo di Stato. Solo un colpetto sulla spalla. In puro stile renziano. Che fa fatica a rincorrere le sue stesse fantasie. Ora ha anche scritto 'un libro': il titolo è 'Avanti'; che non si sa se riecheggi nostalgicamente il giornale del Partito Socialista di Nenni o il titolo di un romanzo di Alberto Moravia: ma quello diceva "Davanti le donne", in una chiara allusione. Ormai a lui e alle sue bugie ci siamo abituati, e speriamo che nessuno lo prenda più sul serio. Forse crede di essere in un videogioco.
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX 113 3 puntata SEPARATORE 5PX 113 2 puntata SEPARATORE 5PX 113 1 puntata SEPARATORE 5PX ITALA SCANDARIATO SEPARATORE 5PX
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact