Tag Titolo Abstract Articolo
Cronaca
Garlasco, omicidio Chiara Poggi: rimane in carcere Alberto Stasi
28/06/2017 10:28:00
La prima sezione penale della Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso straordinario presentato dalla difesa
 
di Angelo Barraco

 
MILANO – Alberto Stasi rimane in carcere per l’omicidio di Chiara Poggi. La prima sezione penale della Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso straordinario presentato dalla difesa per la riapertura del caso, per la sospensione della pena e per un nuovo processo di appello. E’ confermata quindi la condanna a 16 anni per Stasi, condannato in via definitiva per l’omicidio di Chiara Poggi, avvenuto il 13 agosto del 2007 a Garlasco. Il pg Aniello, della Suprema Corte, nel corso della requisitoria aveva evidenziato elementi di inammissibilità nel ricorso, dove invece Stasi evidenziava “errori di fatto” che facevano riferimento alla mancata ammissione di prove nel processo d’appello-bis.
L’omicidio di Chiara Poggi è rimasto impresso nella memoria degli italiani per l’efferatezza e la brutalità che si è sprigionata all’interno di un contesto intimo e casalingo in cui si è consumato il tutto. Un contesto apparentemente tranquillo, dove tutto dovrebbe essere al sicuro, corazzato certamente  inviolabile ma proprio quel giorno e in quel preciso momento qualcosa ha distorto quella pacatezza. Il 13 agosto del 2007 Alberto Stasi, studente di Economia e Commercio alla Bocconi, prova a contattare telefonicamente la fidanzata Chiara Poggi, con la quale aveva trascorso la sera precedente mangiando due pizze prima di tornare a casa, poiché in quel periodo Alberto stava preparando la tesi di laurea. Verso le 13.30 si reca a casa della fidanzata, non ricevendo risposta al citofono però, decide di scavalcare il cancello. Arrivato sulla porta di casa decide allora di entrare e trova molto sangue a terra, seguendo le tracce verso la tavernetta trova il corpo di Chiara. Chiama subito i soccorsi e si reca nella vicina caserma dei Carabinieri che dista pochi metri dalla villetta dei Poggi. Chiara è morta per una decina di colpi violenti inferti con un’arma appuntita che non sarà mai ritrovata, tra le 9 e le 12 di mattina (l’orario preciso non sarà mai stabilito). Nella villetta le uniche tracce presenti sono quelle di Chiara, dei suoi familiari, di Alberto e di un falegname che aveva fatto dei lavori pochi giorni prima della morte (oltre alle tracce dei soccorritori chiamati da Stasi). Le indagini si concentrarono sull’ex fidanzato. Ha destato sospetto l’atteggiamento dopo il ritrovamento del cadavere (sembra che il tono di voce di Stasi quando chiama il 118 fosse troppo “rilassato”), le tracce del DNA di Chiara sulla bici di Alberto, la mancanza di sangue sotto le sue scarpe, nonostante il pavimento della casa ne fosse pieno. Alberto Stasi venne arrestato il 24 settembre, ma la scarsità d’indizi certi convinse il GIP a scarcerarlo dopo quattro giorni. Nelle indagini successive (dicembre 2007) viene trovato nel computer di Stasi materiale pedopornografico, elemento che ha contribuito a minare l’immagine del fidanzato. Il 3 novembre 2008 Alberto Stati viene rinviato a giudizio per l’omicidio di Chiara Poggi.
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX 113 3 puntata SEPARATORE 5PX 113 2 puntata SEPARATORE 5PX 113 1 puntata SEPARATORE 5PX ITALA SCANDARIATO SEPARATORE 5PX
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact