Tag Titolo Abstract Articolo
Il commento
TAR VS Franceschini, ovvero la politica creativa di Renzi
26/05/2017 12:12:00

 

di Roberto Ragone

Siamo in un paese molto strano. A qualcuno questa  diffusa mancanza di logica potrebbe piacere: in fondo siamo tutti, o quasi, un po’ anticonformisti, visto che la conformità è monotona e noiosa. Ma ciò che accade da noi sfiora l’assurdo. Franceschini, messo KO da una sentenza del TAR, se la prende con il Tribunale, invece di fare ammenda del suo errore. E parla di ‘figuraccia internazionale dell’Italia’, mentre la figuraccia l’ha fatta solo lui. Cioè uno degli appartenenti alla Casta, di cui qualcuno s’ostina ancora a negare l’esistenza, un po’ come in Sicilia, dove ancora oggi si nega la presenza della mafia – sia detto senza riferimento alcuno.

Insomma, questo è un paese in cui si condanna il carabiniere che spara al ladro, e non il ladro. Oppure il giornalista che scopre il marcio della politica, e non chi in questo marciume sguazza, gozzoviglia e accumula denaro illecito in nero. Di cui una parte va al partito, come Craxi rivelò in parlamento, scoprendo un’acqua calda che non era mai stata svelata ufficialmente. Un’altra parte, invece, va nelle isole Cayman, o in qualche altro paradiso fiscale ben noto e mai toccato, per ovvi motivi.

Così anche don Matteo si scaglia contro il Tribunale Amministrativo del Lazio, dichiarando che non bisogna mandare a casa i cinque direttori di altrettanti  musei, scelti, secondo lui, con tutti i criteri possibili di efficienza e di capacità, ma assolutamente si deve cambiare il TAR, reo di avere applicato una legge che, comunque, ha visto la luce in un’aula di Montecitorio, e della quale i politici sono, non solo responsabili, ma in ipotesi esperti – o almeno dovrebbero. Solo che questo, come detto, è un paese strano, in cui chi fa le leggi poi si sente autorizzato a violarle, o a interpretarle pro domo sua.

Evidente l’indignazione di Franceschini in TV: ma nella sua espressione si legge anche il disappunto per avere toppato ed essere stato scoperto. Da questo l’attribuzione della sua vergogna a tutta l’Italia. In verità l’Italia non c’entra. I cinque licenziati, o licenziandi, sono stati scelti non dopo un referendum popolare, ma direttamente da un collegio di saggi nominato, indovinate un po’ da chi? Comunque, la legge è legge, e davanti alla legge siamo tutti uguali, o dobbiamo far finta di esserlo. Anche se poi non è così, ma c’è sempre qualcuno che si ritiene più ‘uguale’ degli altri.

Nell’uomo della strada rimane il sospetto che l’operazione internazionale sia stata orchestrata da un’Europa che molti non accettano, in barba alle capacità dei nostri cervelli che poi vanno a trovare ampio spazio e soddisfazione in altre nazioni. E dei quali noi Italiani ci dobbiamo privare. Giovani che hanno studiato in Italia, e sono costati fior di quattrini alle nostre amministrazioni, e che all’estero sono accolti senza colpo ferire, secondo le loro capacità e non secondo le raccomandazioni che purtroppo da noi sono una piaga come quella della burocrazia.

Burocrazia e raccomandazioni sono due delle origini della corruzione diffusa e accettata: chi di noi, avendo un figlio o un nipote da sistemare, non è andato dal monsignore o dal politico di turno, magari sotto elezioni? Ma una cosa è da rimarcare, in tutta questa faccenda, e bisogna riconoscerglielo: la grande creatività di Matteo Renzi, il quale, pur avendo rinunciato alla carica di premier, in effetti la ricopre ancora, comportandosi come se ne fosse investito ufficialmente. Se non si può superare l’ostacolo di una legislazione legittima, bisogna cambiare il Tribunale. Come nel gioco delle tre carte, e come è facile pensare che abbia agito durante i suoi tre anni di premierato. La carta vince, la carta perde: dov’è il re o la regina? Puntate signori, puntate. Tanto a giochi fatti una raccomandazione non si nega a nessuno.

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX 113 3 puntata SEPARATORE 5PX 113 2 puntata SEPARATORE 5PX 113 1 puntata SEPARATORE 5PX ITALA SCANDARIATO SEPARATORE 5PX
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact