Tag Titolo Abstract Articolo
Il commento
Renzi al 70%: democrazia o maggioranza bulgara?
02/05/2017 12:45:00
Ce lo ritroveremo ancora alla presidenza del Consiglio? 99 su cento, sì, visto che lo ‘stai sereno’ vale anche per Gentiloni, come servì per Enrico Letta


di Roberto Ragone

 

E così, a quanto pare, ed è nei fatti, don Matteo sarà di nuovo segretario del PD, l’unico partito, a sentir loro, che ha una ‘vocazione di governo’, in questo sgangherato panorama politico italiano. Eletto, come sbandierato, in regime di ‘democrazia’, nonostante la sua maggioranza sia decisamente bulgara, e file di immigrati siano state registrate ai gazebo, e ancora, nonostante un seggio sia stato chiuso per manifesta partecipazione di elementi notoriamente estranei al partito di Renzi, i quali, ‘democraticamente’, avrebbero votato un altro candidato, magari Emiliano, dato che il fatto è accaduto in provincia di Foggia. Ma tant’è, il reuccio non accetta contestazioni, e le istruzioni erano tassative. In pieno regime di quella ‘democrazia’ che tanto sbandiera davanti a sé, come un vessillo tricolore (magari fosse!), e la cui mancanza tanto rimprovera ai Cinquestelle, Beppe Grillo in testa: senza rendersi conto di essere lui stesso un Beppe Grillo; o magari sapendolo benissimo, ma trovando questa posizione assolutamente di comodo. Ce lo ritroveremo ancora alla presidenza del Consiglio? 99 su cento, sì, visto che lo ‘stai sereno’ vale anche per Gentiloni, come servì per Enrico Letta.

Un Gentiloni ancora più facilmente mobile, data la sua figura evanescente di premier ‘a sua insaputa’. Un premier che non ha saputo lasciare alcuna impronta sul materasso della nazione, come invece fanno le mani di una nota marca nella pubblicità in televisione, con la loro ‘memory’. Impronta, tuttavia, anch’essa destinata a scomparire rapidamente. Vogliamo fare come Cassandra, profetessa di sventure: all’orizzonte, a meno di interventi direttamente dall’Olimpo di Giove,  abbiamo ancora almeno un altro lustro di don Matteo, ora ancora più irremovibile, ancorato ai suoi privilegi come una cozza patella allo scoglio, visto che la sua ‘politica’ di Giglio Magico gli ha reso bene, con favori, clientele, nomine, e tutto ciò che Machiavelli, nel ‘Principe’, indicava come strumenti per ottenere il fine, che, secondo lui, giustificava i mezzi. La cosa più assurda è che tutto ciò viene compiuto in nome di una pretesa democrazia, della quale il partito di Renzi addirittura si fregia nella sua denominazione. Non dimentichiamo la conversione ad U che esso ha compiuto nei decenni, da PC a PDS a DS, per approdare al PD. Cioè, partendo da un partito comunista filosovietico che è stato la negazione della libertà, fino ad approdare ad un partito che mira al centro, un partito che vuole catturare i voti dei moderati, che in Italia sono la maggioranza. D’altronde, tutti mirano al centro, Berlusconi compreso. In barba a quella democrazia che in Italia non c’è mai stata.

Gli scossoni dell’ultimo conflitto hanno portato, una volta terminato, ad una proclamazione di libertà che era nelle parole ma non nei fatti. Il potere è passato, dalle mani di un PNF dichiarato fuorilegge, alla DC, un partito in cui erano confluiti tanti che da esso provenivano, e che per maggior suggestione, aveva associato la parola ‘democrazia’ a ‘cristiana’, quale garanzia di vita eterna. Oggi più che mai ‘democrazia’ è una parola piena di significato, ma vuota nei fatti. Sottosegretari e ministri nominati dall’alto, non per capacità ma per appartenenza; curricula degli stessi, falsi e mendaci, ciò che in un paese serio avrebbe causato dimissioni; intrallazzi di cui si fa fatica a frenare i salienti, che sporgono come punte di iceberg nel panorama di Montecitorio; promesse elettorali prontamente rimangiate a festa effettuata; corruzione latente e generalizzata, per cui Piercamillo Davigo ha detto che i politici “Rubano come prima ma hanno smesso di vergognarsi”. Eccetera eccetera. Purtroppo ormai siamo abituati ai favoritismi parlamentari, come alle ruberie, e non ci fa più specie: anzi, se vogliamo un favore qualunque, andiamo dal politico che riteniamo più intrallazzato per chiederglielo. E questo è destabilizzante: anche i contadini andavano – e tutt’ora lo fanno, ma non solo i contadini – dal capomafia del posto, che, si sa, ottiene rapidamente ciò che ordina, a prescindere dai metodi. Siamo un paese in declino, in mano ad una classe politica maneggiona, forse la peggiore che abbiamo mai avuto, dove il più dritto ‘campa la casa’, come si dice a Bari. Non è democrazia, e non è democratico il partito di Renzi, affermarlo è una contraddizione in termini. Staremo a vedere. Ormai il re è nudo, tutti lo vedono, ma nessuno ha il coraggio di gridarlo. Noi continueremo a farlo, da queste colonne, democraticamente, finchè non ce lo impediranno: il che è previsto, anche, nella ‘democrazia’ del reuccio.

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX 113 3 puntata SEPARATORE 5PX 113 2 puntata SEPARATORE 5PX 113 1 puntata SEPARATORE 5PX ITALA SCANDARIATO SEPARATORE 5PX
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact