Tag Titolo Abstract Articolo
PADOAN, LETTERA A BRUXELLES,
Padoan lettera a Bruxelles: Nessuna manovra estemporanea. Patto rispettato
02/02/2017 11:52:00
Riforma strutturale e rilancio delle privatizzazioni sono sempre state considerate da Padoan le carte vincenti

 

di Paolino Canzoneri

ROMA - A volte si ha la sensazione di stare "stretti" in una Europa che troppo spesso appare eccessivamente rigorosa nei richiami continui per il contenimento del debito ma le regole sono quelle e il nostro ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan ieri ha inviato un "Rapporto sui fattori rilevanti" alla Commissione Europea dove ha chiarito che l'Italia proseguirà il suo cammino per rispettare le tappe relative all'avvicinamento del deficit strutturale considerato al momento eccessivo e per l'aggiustamento dei 3,4 miliardi di euro che corrispondono circa allo 0,2% del PIL che tanto accoratamente aveva preteso Bruxelles. In un laconico messaggio sui social, il ministro Padoan ha scritto: "Nessuna manovra estemporanea: riduciamo il debito nel nostro interesse con una strategia che protegge la crescita". Concetti pochi ma basilari  che vorrebbero palesare una risposta forte e decisa per calmare gli animi di Bruxelles convinta della necessità di una correzione dei conti "sprint" e rapida non condivisa da Padoan che invece registra segnali lievi di ripresa che non vuole compromettere. Una correzione rapida danneggerebbe la ripresa alla luce di due eventi dal sapore catastrofico, due incertezze finanziarie e politiche quali Brexit e Trump che seminano sul campo non poche perplessità e preoccupazioni. Il governo italiano vuole cercare di dimostrare che la propria parola vale tanto e pretende fiducia dalla comunità europea. Riforma strutturale e rilancio delle privatizzazioni sono sempre state considerate da Padoan le carte vincenti. Il commissario Pierre Moscovici il vice presidente Valdis Dombrovskis leggeranno attentamente il Def redatto da Padoan e giudicheranno la strategia per il contenimento del debito e vaglieranno le promesse di un ulteriore taglio alla spesa e di un inasprimento maggiore della lotta contro l'evasione, misure i cui frutti potranno evitare l'aumento dell'aliquota dell'IVA, provvedimento odioso e poco popolare ma che porterebbero comunque a ritoccare le imposte di bollo o di registro. Provvedimenti che porterebbero comunque ad una crescita del PIL maggiore anche se al momento è difficile quantificare e che tipo di impatto avrà una erogazione finanziaria necessaria per sopperire le spese del terremoto che affligge il Centro Italia. Si parla ad oggi di circa un miliardo di euro e proprio per questo verrà creato un fondo speciale per questa esigenza urgente.
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX SFOGLIA IL GIORNALE SEPARATORE 5PX L’Osservatore d’Italia - Ultima edizione SEPARATORE 5PX OFFICINA STAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DA LEGGERE SEPARATORE 5PX CHIARA RAI EDITORIALE SEPARATORE 5PX PAOLINO CANZONERI EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE EDITORIALE SEPARATORE 5PX TOROSANTUCCI EDITORIALE SEPARATORE 5PX VINCENZO GIARDINO EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX CHIARA RAI EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX TOROSANTUCCI EDITORIALE SEPARATORE 5PX LINCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX CONNEXUS
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact