Tag Titolo Abstract Articolo
Politica
Vincenzo De Luca: la commissione antimafia sta verificando i presupposti per l'avvio di un'inchiesta legata al tema della mafia
23/11/2016 20:03:00
De Luca: "Ci rende curiosi conoscere l'iter previsto sul reato di battuta e come evolverà la crociata del calamaro"

 

di Roberto Ragone

 

È probabile che arrosto ci finisca lui, Vincenzo De Luca, governatore renzianissimo della Campania, per alcune esternazioni piuttosto pecorecce, come è nel suo stile, che lui definisce ‘battute’ , di fronte a circa 300 sindaci, convocati a proposito del referendum confermativo della riforma costituzionale del 4 dicembre. Così riferisce Rosy Bindi, presidente della Commissione Antimafia in un suo comunicato all’ANSA: del 23 novembre: "La Commissione Antimafia, all'unanimità, mi ha incaricato di richiedere preventivamente informazioni urgenti alla Procura della Repubblica di Napoli in merito a eventuali indagini in corso, agli atti e ai documenti acquisiti e alla posizione dei soggetti coinvolti, - Vincenzo De Luca ndr -  per verificare i presupposti per l'avvio di una inchiesta da parte della nostra Commissione, che naturalmente sono legati al tema mafia. Abbiamo sempre agito così per avviare le nostre inchieste e useremo lo stesso metodo". La stessa ANSA riporta la replica del governatore: "Apprendiamo della richiesta avanzata dalla Commissione Antimafia. Ci rende curiosi conoscere l'iter previsto sul reato di battuta e come evolverà la crociata del calamaro". De Luca è finito sulla graticola, insieme a calamari e totani, a causa di un ‘fuori onda’ in cui, a porte chiuse, invitava i sindaci riuniti a far votare SI’ al referendum, promettendo, se necessario, anche fritture miste e totani arrosto, ricordando gli investimenti di Matteo Renzi per la Campania. La Bindi ha dichiarato che la richiesta è arrivata durante l’ufficio di presidenza da parte dei gruppi Gal, Fi, Lega, Sinistra Italiana, M5S. il senatore Carlo Giovanardi ha così commentato: “Al dilà delle infelici battute, dalla registrazione, che la Commissione non potrà ascoltare formalmente, emerge un pressante incitamento agli amministratori a procacciare voti, contando sul ‘rispetto’ che imprenditori e professionisti devono alla Regione per finanziamenti erogati e da erogare.”

 

 
   
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX SFOGLIA IL GIORNALE SEPARATORE 5PX L’Osservatore d’Italia - Ultima edizione SEPARATORE 5PX OFFICINA STAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DA LEGGERE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE EDITORIALE SEPARATORE 5PX VINCENZO GIARDINO COMMENTO SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE COMMENTO SEPARATORE 5PX LINCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX CONNEXUS
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact