Tag Titolo Abstract Articolo
Spese ospedaliere
AIFA, MA QUALE TRASPARENZA SUI FARMACI?
21/09/2015 11:33:00

Due sentenze pesanti a carico dell’Agenzia dei Farmaci italiana, la condannano per gravi irregolarità sulla trasparenza dei farmaci, la Lorenzin la premia

di Cinzia Marchegiani

L’Agenzia italiana per il farmaco continua, a nostro avviso, la sua caduta libera riguardo la trasparenza. Ad accusare la gestione fatta di luci e ombre di questa agenzia regolatoria dei farmaci interviene il M5S sulla base del ricorso presentato da un’azienda farmaceutica accettato dal Consiglio di Stato con sentenza n.3977/2015, depositata il 21 agosto, che chiedeva all'Aifa più trasparenza sui dati che determinano il budget della spesa farmaceutica ospedaliera.

Ma quale trasparenza. Il M5S fa osservare come il sito dell'Agenzia italiana per il farmaco (Aifa) si definisce: “L'autorità nazionale competente per l'attività regolatoria dei farmaci in Italia, ed Ente pubblico che opera in autonomia, trasparenza ed economicità, sotto la direzione del ministero della Salute e la vigilanza del ministero della Salute e del ministero dell'Economia” e ironicamente commenta: “Peccato però che uno dei punti cardine a cui deve conformarsi la pubblica amministrazione, cioè quello della trasparenza, sia un principio poco conosciuto dalle parti di Via del Tritone, dove ha sede l'Agenzia”.

Sentenze come macigni a carico dell'AIFA. La sentenza sopra citata, la n.3977/2015 arriva appena poco dopo un'altra sentenza, questa volta del Tar del Lazio (n. 04538/2015), che aveva stroncato sempre la stessa Agenzia riguardo il ripiano per il superamento del tetto di spesa a carico delle aziende del settore farmaceutico. Anche in questo caso, tra le motivazioni, vi era riportata la poca trasparenza in merito ai dati della distribuzione diretta e per conto che l'agenzia fornisce solamente a livello di aggregato nazionale.

Sentenze pesanti che mettono dietro il banco degli imputati un’Agenzia regolatoria dei farmaci dipendente tra l’altro dal Ministero della Salute che dimostrano una reale di mancanza di trasparenza e con ragione, il M5S constata che non sono gli unici ad accusare di tale delitto un'Agenzia che governa un aggregato di spesa da circa 20 miliardi di euro.

Il M5S è duro e spiega:In questi giorni, ovviamente in gran segreto, l'Aifa sta incontrando tutte le aziende del settore per l'aggiornamento del prontuario farmaceutico nazionale. Non solo, il Decreto legge Enti Locali ha assegnato all'agenzia il compito di concludere le procedure di rinegoziazione del prezzo dei farmaci, a carico del Ssn, nell'ambito di raggruppamenti di medicinali terapeuticamente assimilabili. Purtroppo anche in questo caso, constatiamo con rammarico che l'Agenzia, dimenticando di essere ente pubblico, non fornisce alcuna informazione a riguardo agendo con la massima discrezionalità”.

Il M5s accusa la stessa maggioranza che in questi mesi pontificano sulla necessità di razionalizzazione ed efficienza del sistema sanitario: “Domandiamo, secondo loro la gestione dell'Aifa è efficiente? A noi non sembra per nulla ed è per questo che auspichiamo venga quanto prima discussa e approvata la nostra risoluzione, che è stata incardinata in commissione, con la quale principalmente chiediamo trasparenza sui trattati commerciali stipulati tra l'Aifa e le aziende farmaceutiche”.

Aumentati i fondi all'AIFA mentre si taglia alla sanità. Ciliegina sulla torta, mentre si sono delineati meno diritti dei malati e alla salute con tagli sanciti con le proposte emendative del governo al decreto legge "Enti che recepiscono i tagli alla sanità " sanciti nell’intesa Stato Regioni dello scorso 2 luglio che stanno facendo accapponare la pelle, non solo ai malati, ma anche agli stessi lavoratori e medici professionisti,  il M5S dovrebbe sapere che per la stessa l'Aifa è stato previsto un incremento del personale dalle attuali 389 unità a 630 da qui al 2018 con lo scopo di adeguare l'assetto organizzativo e il numero di personale dipendente dell'Aifa ai compiti istituzionali in continuo aumento.  

Scandali al sole tra AIFA e Minstero della salute. Memori dello scandalo Avastin Lucentis, il dicastero della Lorenzin ha dimostrato fattivamente di togliere ai cittadini diritti, ai professioni nel settore medico la libertà deontologica e premiare a go go l’Aifa un’Agenzia troppo spesso finita sotto lente d’ingrandimento e condannata dai tribunali amministrativi. Ma queste sentenze saranno pubblicate sul sito dell’Agenzia dal direttore Generale Luca Pani?

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX BANNER MOBILE SEPARATORE 5PX LINCHIESTA SEPARATORE 5PX SCANDALO PRO LOCO SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX PETIZIONE SEPARATORE 5PX VINCENZA SICARI PETIZIONE 2 SEPARATORE 5PX CARABINIERI E POLIZIA SEPARATORE 5PX MABJ SEPARATORE 5PX IDEA MUSIC SERVICE SEPARATORE 5PX
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact